thumbnail Ciao,

Napoli sottotono nei primi 45', Mazzarri spiega il perchè: "I nazionali erano stanchi. Su Mesto per me è rigore"

Il tecnico del Napoli è comunque contento del punto che la sua squadra è riuscita a portare via dallo stadio Olimpico di Roma.

E' soddisfatto il tecnico del Napoli Walter Mazzarri dopo il pareggio che la sua squadra ha ottenuto sul campo della Lazio. Ecco che cosa ha affermato l'allenatore partenopeo ai microfoni di Sky Sport 24 nel post-partita.

"E' stato un punto importante, contro la Lazio non è facile fare risultato, a maggior ragione sul loro campo. Ci hanno aggredito, noi non siamo partiti col piede giusto. Per come si era messa la gara non era facile uscire con un risultato positivo, ma ci siamo riusciti. Secondo me molto è dipeso dal fatto che abbiamo avuto tanti nazionali impegnati in giro per il mondo. La Lazio è chiaro che ha avuto all'inizio una maggiore convinzione rispetto a noi".

Un particolare commento sulla prestazione di Insigne e sul goal di Campagnaro: "Insigne? Il ragazzo è entrato bene, come l'anno scorso faceva Pandev. Ma anche gli altri che sono entrati hanno dato il loro contributo a questo meritato pareggio. Menomale che Campagnaro ha tirato fuori il jolly. Anche se stanchi ci aiuta il fatto che abbiamo una organizzazione di squadra precisa, altrimenti avremmo fatto anche peggio. E' chiaro che Zuniga non ha fatto per esempio bene come ha fatto altre volte, ma ci può stare".

Sotto di un goal, il tecnico ha schierato quattro punte, così come faceva Mourinho ai tempi dell'Inter: "Anche altre volte ho concluso il match con 4 attaccanti in campo. Sono stato ripagato dalla scelta. A quale competizione si darà maggiore importanza? Giovedì sappiamo che ci aspetta una partita dura".

Un plauso alla società per quanto fatto sul mercato e un piccolo commento all'operato dell'arbitro: "Abbiamo migliorato i doppi ruoli. Rolando e Armero sono due giocatori affidabili che si spera ci possano daare contributo per portare avanti al meglio le due competizioni. Mesto? Secondo me non era affatto simulazione, ma era rigore. Sbagliano anche gli arbitri come sbagliamo anche noi, ci può stare".

Sullo stesso argomento