thumbnail Ciao,

Il difensore ex Napoli e Sampdoria ha rilasciato alcune dichiarazioni sul proprio presidente, sulla sua vita in maglia friulana e quella azzurra mai indossata...

Lazio, Milan, Sampdoria, Ascoli, Napoli. Maurizio Domizzi ha tanto girovagato prima di approdare in maglia Udinese, nel 2008. Poi, vista la grande fiducia bianconera attorno alla sua persona, ha deciso di metter su radici. Ora difficilmente lascerà il Friuli.

Contratto fino al 2015 per lui: "Non ero in scadenza di contratto, loro hanno deciso di continuare l'avventura con me, io con loro. Io spero si possa andare anche oltre l'attuale conclusione" le dichiarazioni del difensore a 'Udinese Channel'.

La persona più importante è il patron: "Il presidente Pozzo è come un tifoso quando viene a parlare con noi. Scende dalla curva, ci mette tutto sè stesso. Ci tratta come i suoi figli, si vede quando è felice o soffre per i risultati del suo club. Ne ho visti pochi così. Assomiglia al compianto Riccardo Garrone".

Piccolo sassolino tolto dalle scarpette del classe 1980 romano nei confronti dei ct azzurri: "Mai convocato nell'ItaliaNon sono rammaricato. Semplicemente , nell'ultimo arco di tempo, fino ad arrivare a oggi, credo di essermi meritato almeno la possibilità di provare un'esperienza del genere".

Sullo stesso argomento