thumbnail Ciao,

"Sono felice di far parte di questo gruppo di lavoro - dice l'ad giallorosso - I risultati non sono arrivati, ma i nostri dirigenti sono dei numeri uno".

L'ultima settimana ha provocato il ribaltone tecnico dell'esonero di Zeman e della promozione, un po' a sorpresa, del duo Andreazzoli-Muzzi. Ora, la Roma prova a ripartire. Mantenendo intatta la fiducia nelle persone che compongono lo staff dirigenziale, come conferma l'amministratore delegato Italo Zanzi

"La proprietà e in prima persona il presidente Pallotta continuano a credere fermamente in questa dirigenza e in questo management" - dice Zanzi, durante la presentazione del nuovo sponsor Royal Caribbean - Siamo convinti che Baldini e Sabatini siano dei numeri uno in questo settore".

"Abbiamo avuto delle sfide a cui far fronte - continua - ma per diventare grandi dobbiamo affrontarle e risolverle. La squadra e il club hanno reagito bene a quanto successo la scorsa settimana, e io ne sono molto orgoglioso. Sono felicissimo di stare qui e di essere parte di questo gruppo di lavoro".

Zanzi è alla Roma soltanto da un mese. "Periodo avvincente, nonostante i risultati non siano stati positivi. È stato importante assumere la leadership in un momento critico per la società. Voglio costruire una struttura societaria nella quale i vari elementi possano interagire tra loro. E creare un equilibrio tra gli interessi della società e quelli dei tifosi".

Per quanto riguarda un possibile divorzio con Walter Sabatini, Zanzi è categorico. "Per me è la miglior scelta in campo sportivo, è un piacere lavorare con lui. Ha fatto un ottimo lavoro per la squadra e spero continui così. Walter è ideale per un'istituzione che punti sia a vincere che a far crescere i giovani".

Sullo stesso argomento