thumbnail Ciao,

Polemi-Conte, ne ha per tutti! "Roma-Juventus, perchè di sabato? Non siamo tutelati. Rivali con la Fiorentina? No, non siamo provinciali"

Conte annuncia due importanti rientri: "Giovinco sta bene, ha smaltito il problema ed è al 100%, non mi preoccupa affatto. Anche Marchisio si è allenato ed è recuperato".

E' una sfida non come tutte le altre quella che si appresta ad affrontare la Juventus. La compagine bianconera infatti, ospiterà domani a Torino una storica rivale come la Fiorentina. Quello dello Juventus Stadium sarà un match ad alta tensione, lo sa bene anche Antonio Conte che ha così parlato nella consueta conferenza stampa che precede la partita.

"Scendiamo in campo sapendo che poi la settimana dopo saremo impegnati anche in Champions League. Da questo punto di vista stiamo facendo esperienza, il tutto ricordando sempre che quella che conta è la partita del giorno dopo e quindi in questo caso quella con la Fiorentina. Sono belle vigilie queste, e stiamo tornando ad assaporarle grazie al grande lavoro fatto l'anno scorso".

Ottime notizie per Conte arrivano dall'infermeria: "Giovinco sta bene, ha smaltito il problema ed è al 100%, non mi preoccupa affatto. Anche Marchisio si è allenato bene, valuteremo quelle che sono le sue condizioni ma è recuperato. Ieri non hanno lavorato Pirlo e Isla che è influenzato, Lichtsteiner ha invece lasciato prima il campo".

Ottime notizie per Conte arrivano dall'infermeria: "Giovinco sta bene, ha smaltito il problema ed è al 100%, non mi preoccupa affatto. Anche Marchisio si è allenato bene, valuteremo quelle che sono le sue condizioni ma è recuperato. Ieri non hanno lavorato Pirlo e Isla che è influenzato, Lichtsteiner ha invece lasciato prima il campo. Valuteremo attentamente anche le loro situazioni. Asamoah? E' ancora fuori per la Coppa d'Africa, al massimo possiamo recuperarlo per la Champions".

La Juventus ha visto assottigliarsi il vantaggio sulle dirette inseguitrici: "Manca ancora tanto alla fine del torneo e non possiamo parlare già da adesso di lotta scudetto. Domani noi avremo una gara difficile così come l'avrà anche il Napoli, noi proveremo a battere non solo la Fiorentina ma tutti gli avversari che affronteremo".

Conte ha parlato della rivalità con la Fiorentina: "Io personalmente non ho mai sentito particolarmente questa partita, nemmeno quando ero giocatore. Penso che sia una cosa che vale più per loro che per noi. La Juve è una grande squadra, tutti quando ci affrontano voglio dare una qualcosa in più. Non siamo provinciali, per noi è una gara come le altre".

Nel prossimo turno di campionato la Juventus affronterà la Roma nell'anticipo: "Secondo me era più logico giocare questa gara di domenica o anche di lunedì. Non ha senso giocare domani, martedì e poi ancora sabato. Non dobbiamo nemmeno dimenticare che ci sono stati gli impegni con le Nazionali, che fretta c'è di far giocare la Juve?".

"Mi preoccupo perché giochiamo tre partite in sette giorni - prosegue nella sua arringa -. La Juve non viene tutelata: dopo che ha giocato la Nazionale il mercoledì, dobbiamo giocare sabato con la Fiorentina e abbiamo solo un giorno per preparare la sfida. Va bene, ma almeno fateci giocare di domenica o di lunedì con la Roma".

Domani allo Juventus Stadium tra i protagonisti della partita ci sarà anche quello Jovetic che in molti vogliono nel mirino della Juve da diverso tempo: "E' giovane ed ha margini di crescita, io però mi tengo stretti i miei giocatori che sono tutti importanti".

Il tecnico bianconero potrà contare anche su Anelka: "In settimana abbiamo provato più soluzioni, lo chiamerò in causa al momento opportuno. Sono convinto che Anelka potrà darci una grossa mano".

Infine un accenno sul gioco della Fiorentina: "Loro fanno un bel calcio, ma questo vale anche per noi. I giudizi sono sempre personali e a me non da fastidio che di parli di queste cose".

Sullo stesso argomento