thumbnail Ciao,

Niente da fare per la società sarda, anche questa volta, in occasione di una sfida contro una big. A deciderlo è stato il presidente della Lega, Maurizio Beretta.

Non c'è proprio pace per il Cagliari e per i suoi tifosi. La sfida contro il Milan, in programma il prossimo 10 febbraio alle ore 15.00, non si disputerà infatti allo stadio Is Arenas, ma bensì allo stadio Olimpico di Torino.

La notizia ufficiale è stata pubblicata sul sito della Lega Calcio, la quale ha giustificato la decisione con la circostanza che la Prefettura ha considerato lo stadio Is Arenas "inidoneo a supportare lo svolgimento della partita in oggetto per motivi di ordine e sicurezza pubblici connessi alla situazione strutturale dell'impianto".

Il tutto dopo che era arrivato il sì dell'Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive (che però decide sul lato calcistico e non su quello dell'agibilità) che aveva capovolto la decisione della Commissione di Sicurezza. Non è invece arrivata alcuna pronuncia in tal senso da parte del sindaco di Quartu.

Poco prima tramite Facebook il responsabile della comunicazione della società sarda Ivan Paone aveva affermato: "La Lega Calcio si appresta a ufficializzare lo stadio Olimpico di Torino quale sede della gara Cagliari-Milan. Intanto, il sindaco Contini tace. Cellino ribadisce che il Cagliari giocherà solo a IS Arenas".

Secondo quanto riportato dall'Ansa, a decidere per lo spostamento della partita a Torino è stato il presidente della Lega, Maurizio Beretta, dopo aver preso atto delle conclusioni del Prefetto di Cagliari che "ha ritenuto che lo stadio Is Arenas non fosse in grado di supportare l'incontro per il prevedibile, consistente afflusso di spettatori appartenenti a tifoserie storicamente contrapposte".

Sono così tramontate le ipotesi che volevano solamente aperta una parte dello stadio (settore ospiti chiuso) o di fare disputare la gara a porte chiuse. Il Cagliari, non dovesse accettare questa ennesima migrazione, potrebbe rischiare di perdere un'altra partita a tavolino dopo quella contro la Roma. Dalla società sarda arrivano conferme in tal senso.

Sullo stesso argomento