thumbnail Ciao,

Il tecnico del Grifone è stato chiaro anche con i suoi calciatori, chi vuole ambire a un posto da titolare deve dimostrare voglia e serietà negli allenamenti, e capacità in campo.

Davide Ballardini serra le fila, il suo Genoa è appena tornato a respirare ossigeno sopra la linea di demarcazione che divide le condannate dal resto della Serie A, ma non c’è tempo per tirare sospiri di sollievo. Il campionato è ancora lungo e il blocco delle ultime quattro è ancora compatto, nessuna vuole mollare e la sensazione è che ci sarà da remare fino all’ultimo metro.

La formula della salvezza consiste in corsa, gioco e qualità.” – si legge sul sito ufficiale del club – “La rosa è ampia e di valore, ma ci sarà da lottare tenacemente. Non ho mai redatto tabelle in vita mia e non inizierò a farlo adesso, dobbiamo concentrarci su ogni singola partita alla volta e considerare orientativamente quota quaranta come l’asticella da raggiungere”.

Ripongo la mia fiducia nei calciatori in base alla serietà negli allenamenti, alla loro voglia di dare il massimo e alle capacità che esprimono in campo.” – ha spiegato per il magazine ‘Total Italian Football’ – “Appena sono arrivato la prima cosa che ho detto loro è stata: mettiamoci sotto a lavorare! Se mi hanno richiamato è perché io e il mio staff abbiamo lasciato un buon ricordo. Ci riproponiamo per quello che siamo: né più, né meno”.

Sullo stesso argomento