thumbnail Ciao,

Il grande ex nerazzurro è d'accordo nel continuare a dare fiducia al giovane tecnico, ma gli chiede maggiori certezze in sede tattica.

Nella giornata di martedì Massimo Moratti ha ribadito la sua fiducia in Andrea Stramaccioni, e con la scelta del presidente dell'Inter si dice d'accordo un grande ex nerazzurro come Beppe Bergomi.

"A questo punto è giusto dare fiducia al tecnico, anche perché lo ha voluto lo stesso presidente. E' vero che altri allenatori sono stati esonerati per molto meno, ma questo lo ha scelto Moratti e gli ha appena fatto un mercato su misura", spiega lo 'Zio' alla 'Gazzetta dello Sport'.

Bergomi dà tuttavia un suggerimento al giovane allenatore romano: "Non deve più cambiare modulo in continuazione. Le altre grandi hanno un assetto definito, l'Inter si adatta all'avversario, ma dovrebbe essere il contrario... Se credi alla difesa a tre, non puoi chiudere tutte la partite a quattro, come successo di recente".

L'accusa tattica si fa ancora più precisa quando si parla dell'infelice esordio di Schelotto a Siena: "Quello di Schelotto non è un problema di forma, ma di metterlo nelle condizioni di rendere al meglio. Nell'Atalanta ha quasi sempre giocato in un 4-4-1-1. Se appena arrivato lo fai esordire in un 3-4-1-2 o 3-5-2 è più che probabile che ne risenta...".

Sullo stesso argomento