thumbnail Ciao,

"A sostituire un direttore di gara malato si sceglie l'arbitro addizionale, quindi in questo caso Orsato - dice il dirigente bianconero - Ricorso per le squalifiche? Valuteremo".

Fabrizio Larini, ds dell'Udinese, è stato inibito per due settimane. Troppo pesanti le parole proferite nei confronti dell'arbitro Valeri, reo di aver concesso un rigore inesistente al Milan domenica sera, all'uscita dal campo di San Siro. Ma il dirigente bianconero nega con fermezza ogni insulto.

"Nel referto c'è scritto che avrei rivolto frasi ingiuriose nei confronti del direttore di gara - dichiara Larini a 'Udinese Channel' - ma non è assolutamente vero. Ho solo detto che secondo me quello che era successo era una vergogna. Non mi sembra poi un'affermazione così grave".

"Quella di Valeri è una svista clamorosa - continua - Un errore può capitare, ma questo è fuori dalla norma. Anche un miope avrebbe visto. Quest'arbitro è troppo teso. Lo ha dimostrato contro la Juve cacciando Brkic e due anni fa col Parma, quando espulse Inler dopo che in settimana Pozzo aveva fatto un'osservazione su Roma e Lazio, in concorrenza con l'Udinese per la Champions. Lui, romano, subì la pressione".

Larini commenta anche il fatto che, per sostituire l'indisposto Massa sia stato scelto proprio Valeri e non Orsato. "Normalmente a rimpiazzare il direttore di gara viene chiamato l'arbitro addizionale. Non abbiamo capito le ragioni di questa scelta. Ci è sembrata una designazione strana".

Secondo il dirigente bianconero, è il modo in cui la classe arbitrale concepisce il proprio compito a non funzionare: "Gli arbitri vanno lasciati più tranquilli, ma loro dovrebbero essere più umili nei confronti di giocatori e dirigenti. Spesso non usano il buonsenso e sono troppo intransigenti. Ciò li rende antipatici, creando tensione nei rapporti con le squadre". 

Oltre a Larini sono stati squalificati Danilo e Bortoluzzi, il vice di Guidolin: "Non abbiamo lasciato che i giocatori parlassero dopo la gara perché già nel tunnel c'era troppa tensione, volevamo evitare altri danni. Ora valutiamo i verbali redatti dagli arbitri per capire se ci sono i margini per presentare ricorso".

Sullo stesso argomento