thumbnail Ciao,

Il tecnico biancazzurro se l'è presa con la tifoseria, che non starebbe appoggiando più la squadra: "Prendo atto che adesso la situazione ambientale è questa...".

"Nell'aria sento una atmosfera funerea". A lanciare l'allarme è Cristiano Bergodi, tecnico del Pescara. La formazione abruzzese arriva da quattro sconfitte consecutive e la classifica si è notevolmente complicata. Nonostante questo, però, non c'è ancora nulla di deciso, ed è su questo tasto che ha battuto l'allenatore, convinto che le chances di salvezza dei suoi siano più o meno intatte.

"Siamo passati dalle stelle alle stalle. C'è pessimismo. Sembra che ci abbiano già fatto il funerale, e questo non è bello - ha detto oggi un polemico Bergodi in conferenza-stampa - I tifosi sono giustamente arrabbiati, ma il campionato è lungo ed è chiaro che questa atmosfera non aiuta la squadra".

Il tecnico di Bracciano, che ha invitato il gruppo a reagire, ha definito quella pescarese come "una piazza esigente che vuole gioco e risultati. Ma oggi, in un momento difficile, potrebbe darci anche una carica in più. Prendo atto che in questo momento la situazione ambientale è questa".

Eppure, a ben vedere, la situazione del Pescara non sembra ancora compromessa: "Dico che siamo un punto sotto la quota salvezza e quindi in gioco. Bisogna lottare - ha concluso Bergodi - perchè non siamo assolutamente retrocessi".

Sullo stesso argomento