thumbnail Ciao,

Il patron biancoceleste stuzzica il neoacquisto del Milan, squadra a cui, peraltro, attribuisce un'abitudine al successo che i suoi non hanno ancora.

"Balotelli? Ieri ha fatto una buona prestazione, ma come si è visto non è risolutore: il secondo goal su rigore poteva segnarlo chiunque". A parlare è Claudio Lotito, presidente della Lazio: non è bastata la doppietta all'esordio in rossonero dell'attaccante a convincerlo. Le qualità non si discutono, ma forse 'SuperMario', secondo il patron biancoceleste, non è poi così decisivo come dicono.

"Ha l'impatto che può avere un giocatore di qualità. Non ha cambiato tutto ma è certamente un valore aggiunto perchè mette le difese in affanno", ha spiegato Lotito, tra gli ospiti del vertice odierno organizzato dalla Figc e a cui sono stati invitati arbitri, allenatori e capitani di Serie A.

Guardando in casa Milan, però, una differenza si nota rispetto ai suoi: "Sta nella mentalità vincente che la grande squadra ha anche nei momenti di difficoltà, la capacità mentale di esplicitare tutta la propria capacità".

Parole dettate anche dall'amarezza per aver perso a venti secondi dalla fine, ieri contro il Genoa: "Perdere così è abbastanza da ingenui, la Lazio deve acquisire una mentalità da grande squadra che ancora non ha: non è un problema di qualità tecnica della rosa, ma di mentalità".

Sullo stesso argomento