thumbnail Ciao,

Il tecnico rossonero ringrazia la società: "Berlusconi si è complimentato con i ragazzi, i successi di questa squadra sono merito suo e di Galliani".

"Un rigore così non si può dare". E' l'onesta e lucida disamina del tecnico del Milan Massimiliano Allegri, che nel post-partita da' ragione all'Udinese, beffata al 93' per un penalty assegnato in maniera erronea dall'arbitro Valeri per un contatto tra Heurtaux ed El Shaarawy.

La moviola non lascia dubbi: il 'Faraone' accarezza il pallone e poi viene travolto da Heurtaux, ma solo dopo che il difensore francese ha toccato a sua volta la sfera. Intervento duro, deciso ma a termini di regolamento non punibile con un penalty.

Allegri può però godersi tre punti preziosi, che portano il Milan ad una sola gara di distanza dal terzo posto: "Ora non bisogna esaltarsi, il campionato è lungo e quando parti da -10 è difficile rimontare. Berlusconi si è complimentato con i ragazzi, i successi di questa squadra sono merito suo e di Galliani".

In stato di esaltazione conclamata è invece Adriano Galliani, già colpito dalla Balo-Mania: "Vi sembrerò pazzo, ma questo Milan in attacco somiglia al Barcellona. Noi non abbiamo Messi ma abbiamo Supermario Balotelli".

Sul rigore, invece, Galliani glissa così: "Non ho visto né il fallo né il rigore, sono andato negli spogliatoi e non ho visto la tv. Siamo a tre punti dalla Champions, finalmente il Milan è tornato nelle posizioni in cui è sempre stato. Berlusconi era molto contento".

Sullo stesso argomento