thumbnail Ciao,

Il giovane talento francese si sta rivelando sempre più importante per Conte, che lo utilizza con grande profitto in tutti i ruoli del centrocampo

Punto su punto, vietato sbagliare. La sfida scudetto tra Juventus e Napoli entra nella fase clou, quella in cui ogni mezzo passo falso può essere decisivo. Lo sa bene anche Paul Pogba, ormai pilastro della formazione di Conte, che afferma però di non soffrire il peso delle gare: "Un pò di pressione questa cosa ce la mette - le parole del francese riportate da 'Tuttosport' - però basta vincere e la pressione può andar via".

Per il tecnico bianconero Pogba è diventato col passare delle settimane una pedina sempre più importante. L'ex Manchester United ha dimostrato di poter essere un vero e proprio jolly a centrocampo: è stato impiegato sia come vice-Pirlo davanti alla difesa che nel ruolo che predilige, quello di interno con libertà di inserimento, con risultati sempre soddisfacenti.

A Verona ha sostituito con ottimi risultati Claudio Marchisio, offrendo il solito mix di quantità e qualità. Doti che per ora non sono bastate per convincere il commissario tecnico della Francia Didier Deschamps a regalargli la prima convocazione con i 'Galletti'. Appuntamento però solo rinviato, visto che Pogba sembra destinato a diventare una colonna del calcio francese nei prossimi anni.

Intanto con un'altro transalpino si è ritrovato a dividere la camera: è al giovane Paul che è stato affiancato l'ultimo acquisto Nicolas Anelka: "Sta bene, abbiamo un grande feeling, siamo nella stessa camera. Sono contento che ci sia un altro francese qui".

Per Anelka, che sembrava indiziato a debuttare già contro il Chievo, l'esordio è solo rinviato: le dinamiche del match di Bentegodi hanno spinto la coppia Conte-Alessio a spendere in modo diverso le sostituzioni, ma Nicolas dovrebbe trovare spazio sabato prossimo contro la Fiorentina.

Sullo stesso argomento