thumbnail Ciao,

Il tecnico nerazzurro dopo la pesante sconfitta di Siena: "Se qualcuno pensa che dopo questi passi falsi possiamo deprimerci si sbaglia. A me lascia un fuoco dentro..."

"Rischio esonero? Quando le cose non vanno bene è normale che girino certe voci..." Andrea Stramaccioni è consapevole che da lui e dalla sua Inter è lecito attendersi molto di più. La pesante sconfitta di Siena ha amplificato i problemi dei nerazzurri, che si sono visti raggiungere al quarto posto dai cugini del Milan. Ma più che alla concorrenza, Strama deve guardare alle tante cose che non girano nella sua squadra.

Contro il Siena, che anche all'andata fu capace di espugnare San Siro, si è vista una delle peggiori Inter della stagione: "Una brutta sconfitta, che fa rabbia anche perché con Pescara, Bologna e Roma sembravamo aver ritrovato la continuità, invece con Torino e Siena c'è stata un'involuzione. Però in questo campionato così strano rimaniamo a 3 punti dall'obiettivo terzo posto, e siamo in corsa nelle due coppe. Le cose non vanno bene perché rispetto alla sconfitta dell'andata c'è l'aggravante che nel frattempo avevamo dimostrato di essere da prime posizioni".

Stramaccioni però continua a credere nelle potenzialità di questa squadra: "Se qualcuno pensa che dopo questi passi falsi possiamo deprimerci si sbaglia. A me questa sconfitta lascia un fuoco dentro difficile da spiegare. Ora siamo a un bivio. O ci mettiamo a piangere e ci rammarichiamo o voltiamo pagina e raddoppiamo l'impegno. Io scelgo la seconda strada. I ragazzi hanno provato a dare tutto e ci credono ancora".

Importante sarà ripartire con una vittoria già contro il Chievo: "Dobbiamo invertire un trend negativo, amaro, brutto. Ritrovare l'Inter che era a un punto dalla capolista e la rabbia per centrare la Champions. Senza alibi. Perché siamo gli stessi di ottobre e anzi nell'ultimo mercato ci siamo rinforzati".

Eppure i nuovi non hanno convinto: soprattutto Schelotto, sostituito all'intervallo. "E' sbagliato dare colpe a Schelotto. Kovacic ha grande personalità, peccato che abbia esordito nella gara più difficile. Presto metterà in campo le sue enormi qualità".

Sullo stesso argomento