thumbnail Ciao,

L'ex tecnico giallorosso non è d'accordo sull'esonero del boemo: "Chi pensa che la carenza di risultati sia colpa sua non ha competenze calcistiche, bisognava dargli tempo".

Poche oro dopo l'allontanamento di Zeman dalla panchina della Roma, le opinioni sono discordanti. Alcuni credono sia la scelta giusta, altri, come Carletto Mazzone, pensano non serva a risolvere i problemi della squadra. Addirittura l'ex tecnico gialorosso critica apertamente la scelta della società.

"Non sono d'accordo con l'esonero di Zeman - dice chiaramente il 'sor Carletto' - quando si e' deciso di ingaggiare Zeman, si conoscevano i suoi pregi e i suoi difetti. Bisognava avere pazienza, non credo che fosse lui il responsabile della situazione che si e' venuta a creare. Zeman ha una storia importante, avrebbe pagato di tasca sua per vincere a Roma".

Mazzone non crede infatti che sia il boemo il responsabile dei brutti risultati della Roma: "Questa squadra nell'ultimo anno e mezzo ha cambiato tanti giocatori, alcuni sono molto validi ma sono poco piu' che ragazzi: hanno bisogno di tempo per crescere. Sarei andato fino a fine campionato con Zeman, gli avrei dato tempo. In questa decisione vedo una mancanza di competenza. Se si pensa che lui sia il responsabile della carenza dei risultati, si valutamalla fine della stagione".

Insomma, 'sor Carletto' avrebbe dato fiducia incondizionata a Zeman: " Io lo avrei confermato anche con 10 sconfitte: una decisione del genere, a questo punto dell'anno, e' incomprensibile. La societa' doveva chiamarlo e rinnovargli la fiducia fino al termine del campionato''.




Sullo stesso argomento