thumbnail Ciao,

Il neo acquisto rossonero ha parlato anche della sua posizione in campo: "Ho giocato sempre da centrocampista, Calori mi ha spostato in difesa e sono qui grazie a lui".

Il Milan lo ha preso negli ultimi giorni di mercato, mettendo a segno un vero e proprio colpaccio in ottica futura. Bartosz Salamon è il classico giocatore predestinato, passato da attaccante a difensore per spiccare il volo in Serie A. Il giovane difensore polacco si è raccontato a "Milan Channel".

"Sono arrivato in Italia a 16 anni. Nella Primavera del Brescia giocavo addirittura come punta, poi ho fatto sempre il centrocampista fino all'anno scorso. Ad inizio stagione mister Calori ha provato a spostarmi dietro e questo mi ha cambiato la carriera, sono qua grazie a quello".

Oltre Calori, un altro maestro di Salamon è stato Zdenek Zeman, che lo ha allenato a Foggia: "Mi sono divertito tanto con Zeman, ti fa lavorare parecchio ed è una bravissima persona. Posso solo parlarne bene ed ho un buon ricordo. Con lui ho giocato sempre. Mi dicevano che mi donava la maglia rossonera...".

E infatti dopo qualche anno è riuscito ad indossare la maglia rossonera per eccellenza in Italia, quella del Milan: "Ieri ho sostenuto le visite mediche, oggi è il primo giorno ufficiale al Milan e sono contento. Ho lavorato con i fisioterapisti e per me è veramente una grande occasione, cercherò di sfruttarla al meglio. In Polonia tutti sono stati molto sorpresi ma felici per essere il primo polacco rossonero".

Adesso c'è molta curiosità nel vederlo in campo..."La sfortuna ha voluto che mi facessi male alla caviglia nell'ultima partita che ho giocato e ci vorrà un po' di tempo ma appena mi riprenderò, inizierò con grande entusiasmo".

Sullo stesso argomento