thumbnail Ciao,

Tracollo Roma, Zeman non cerca alibi e spiega: "Abbiamo giocato male, la sconfitta è giusta. Dimissioni? Non ci sto pensando..."

Il tecnico boemo analizza il tracollo interno contro il Cagliari ma allontana l'ipotesi dimissioni: "Abbiamo giocato male, giusto perdere. Sbagliato l'approccio, io però resto".

E' uno Zeman deluso ma deciso quello che si presenta davanti ai microfoni dopo il pesantissimo ko subito dalla sua Roma contro il Cagliari. Il boemo non si nasconde ma nega di pensare all'ipotesi dimissioni.

"Non credo sia la dimostrazione di una stagione sbagliata. Oggi tanta voglia e tanta confusione, abbiamo giocato troppo complicato. Ci siamo sbilanciati, preso goal dopo pochi minuti. Troppo nervosismo, non abbiamo giocato come altre volte. Il Cagliari ha meritato, c'erano due falli da rigore ma non sarebbe cambiato nulla"- dichiara Zeman lucidamente.

Quindi il tecnico prosegue: "Non è frutto di episodi questa sconfitta, abbiamo giocato male. Se giochiamo male è giusto perdere.C'è una grossa differenza di prestazione dall'ultima sfida. Oggi abbiamo sbagliato l'approccio, ripeto, tanta voglia e poco cervello. Il calcio si gioca anche con il cervello, con quello che si prova in settimana".

Zeman allontana poi la possibilità di rassegnare le dimissioni: "Per una gara non mi viene, dobbiamo lavorare e giocare il calcio che vogliamo giocare da sette mesi. Ho visto i dirigenti, ma non abbiamo parlato di cose specifiche. Abbiamo parlato della gara, che è andata male"

E sull'eventuale esonero chiosa: "Non spetta a me parlarne, la società può prendere la decisione che vuole. Mi dispiacerebbe perchè credo in questa Roma".

Poi Zeman si sofferma sulla questione portiere, e spiega: "Non ho mandato io Stekelenburg a Londra, voleva andare via perchè si sentiva sacrificato in panchina. Io vorrei che i giocatori della Roma fossero a mia disposizione e volessero giocare qui. Ora lui si è rimesso a disposizione".

Infine il boemo tira le orecchie ai tifosi, rei di essersi lasciati sfuggire qualche fischio di troppo: "I fischi hanno influito sia per Goico, sia per la squadra. Penso che dobbiamo ragionare da squadra e giocare insieme, oggi non ci siamo riusciti".

Sullo stesso argomento