thumbnail Ciao,

Il tecnico degli etnei preferisce tenere un profilo basso alla vigilia dell'attesa sfida contro i partenopei: "Vogliamo stupire ma servirà la massima attenzione".

Domani, nell'anticipo del San Paolo, il Catania sarà impegnato in una partita sulla carta proibitiva contro il Napoli. Per la squadra di Rolando Maran sarà un test importante per capire anche quali possono essere le reali ambizioni della squadra etnea.

"Per noi sarà un bell'esame. - ha dichiarato il tecnico dei siciliani nella conferenza stampa della vigilia - Vogliamo continuare a stupire e dare una soddisfazione a chi ci segue. Servirà la massima attenzione contro una squadra organizzata come il Napoli, che sa giocare bene a calcio e segue l'allenatore. I partenopei hanno un impianto di gioco validissimo e sono l'anti-Juve. Il segreto sta nella voglia di arrivare per primi sul pallone".

Nonostante la settima posizione in classifica, il tecnico del Catania preferisce continuare a volare basso. "L'Europa? Noi dobbiamo pensare alla salvezza, a correre, - ha sottolineato - per gli altri discorsi c'è ancora tempo. Non era facile dopo l'annata della passata stagione, ma ci siamo ripetuti. Di questo sono molto soddisfatto. Cercheremo di aggiungere qualcosa giorno dopo giorno".

Infine alcune note di quella che sarà la formazione. "Legrottaglie e Almiron sono recuperati. - ha rivelato Maran - Resta fuori solo Sciacca. Il rientro di Lodi dopo la squalifica? Lui sa far girare la squadra e deve continuare a farlo perché è il suo mestiere e gli riesce anche bene".

.

Sullo stesso argomento