thumbnail Ciao,

Solo la pronta collaborazione della società e il fatto che l'episodio fosse circoscritto a un gruppo sparuto di ultras hanno evitato ai bianconeri una sanzione più dura.

Cinquantamila euro di multa. Questa la sanzione comminata alla Juventus per l'orrenda azione, senza precedenti, di cui si è macchiato sabato, nel finale di una concitata sfida con il Genoa, un gruppo di tifosi bianconeri, ovvero gli sputi che hanno centrato in pieno volto la cinquina arbitrale, rea di non aver concesso un rigore alla squadra di Conte per il fallo di mani in area di Granqvist, giudicato invece involontario.

Una sanzione che tuttavia, proprio per la gravità dell'accaduto, tutto registrato nel referto consegnato dagli arbitri al Giudice sportivo Gianpaolo Tosel, avrebbe potuto portare a conseguenze ben più gravi per il club di Corso Galileo Ferraris, ovvero alla disputa a porte chiuse della prossima gara interna contro la Fiorentina.

Solo la disponibilità della società a collaborare prontamente e il fatto che gli autori del vile gesto fossero pochi ultras ha evitato loro di incorrere in pene più dure, tanto più che 'Lo Stadium' era già stato diffidato.

Se da un lato infatti lo stadio 'all'inglese' si è rivelato per i bianconeri un dodicesimo uomo in campo, per altri versi, come evidenzia stamane il quotidiano torinese 'La Stampa', è stato un vero e proprio dodicesimo giocatore a stipendio, se è vero che la società ha già sborsato in due anni 378 mila euro per le intemperanze dei propri tifosi.

Le multe per la stagione in corso sono già 23, sicuramente un record non invidiabile. Ora, con gli sputi alla cinquina degli arbitri di Juve-Genoa, la società ha eguagliato il primato per la multa più alta ricevuta da un club, ovvero proprio 50 mila euro, sanzione già inflitta al club torinese dopo le intemperanze dei tifosi nella gara persa contro l'Inter.

Per il resto, ben 10 volte su 23, la sanzione è stata comminata per 'cori razzisti', con il record, anche qui, di 5 cori diversi nel corso della stessa partita. Per il resto si va dagli striscioni inneggianti a Superga al lancio di fumogeni e petardi, passando per i furti all'interno del bar dello stadio. Sicuramente non un campionario di cui i tifosi bianconeri possono andare fieri.

Sullo stesso argomento