thumbnail Ciao,

Il centrocampista bianconero è stato premiato come miglior giocatore in assoluto della Serie A nel tradizionale Gagà dell'Aic: "Ed ora vogliamo l'Europa".

'Rottamato' due anni fa dal Milan per motivi di ingaggio nonchè tattici (Allegri lo aveva tolto dalla cabina di regia, decentrandolo come interno sinistro), Andrea Pirlo dimostra ogni giorno che passa di voler continuare a smentire chi lo aveva dato per prematuramente finito, giocando sempre su standard elevatissimi con la sua Juventus.

Ed è così convincente nelle sue 'argomentazioni', da essersi aggiudicato - nel tradizionale Galà milanese dell'Aic, il premio come miglior giocatore in assoluto del campionato italiano, precedendo di poco il 'mostruoso' Cavani degli ultimi mesi.

Un riconoscimento la cui importanza è accresciuta dal fatto che la stima arriva dagli stessi addetti ai lavori nonchè colleghi, visto che la giuria è composta da allenatori, arbitri, giornalisti, Ct ed ex ct azzurri, ma soprattutto dagli stessi calciatori (circa 600 votanti).

Molto composto come sempre al momento di salire sul palco, Pirlo preferisce non infierire sul suo vecchio club e piuttosto lancia la sfida della Vecchia Signora ai massimi livelli continentali: "Potevo dare ancora al Milan? Potevo come posso, ma sono contento alla Juve. E' stata la scelta migliore. Alla Juve cercavo nuove emozioni con lo stesso obiettivo: vincere. Ho avuto tutto. Lo scudetto è il nostro primo obiettivo ma ora siamo attrezzati anche per vincere in Europa...".

Sullo stesso argomento