thumbnail Ciao,

Una parte del pubblico bergamasco ha preso di mira l'attaccante rossonero dopo uno scontro di gioco. Nel finale scontro Robinho-Carmona: scatta la prova tv?

Ancora cori razzisti, ancora all'indirizzo di giocatori del colore del Milan. Stavolta il teatro dell'indegna sceneggiata è stato Bergamo, dove i rossoneri si sono imposti ieri di misura. La curva, intorno alla mezzora della ripresa, ha cominciato a prendere di mira con una serie di buuu M'Baye Niang, finito a terra dopo uno scontro di gioco.

Il secondo tempo della gara, va detto, è stato piuttosto agitato: prima l'espulsione del difensore atalantino Brivio per doppio giallo, poi quella del tecnico Colantuono per proteste. Con Niang a terra, Biondini ha continuato a giocare, e lì c'è stato un accenno di rissa, che ha portato alle ammonizioni di Consigli e Mexes.

In quel frangente una parte della tifoseria nerazzurra si è scatenata contro Niang e gli altri giocatori di colore del Milan. Lo speaker dello stadio, al 40', ha invitato il pubblico a finirla lì, prendendosi in cambio una bella razione di fischi. A fine gara, per fortuna, è tornata la calma.

I rossoneri hanno segnalato gli ululati razzisti al quarto uomo, che ha provveduto ad avvisare l'arbitro e il dirigente di pubblica sicurezza. "I buuu li hanno fatti anche a Mexes, credo fossero per situazioni di campo, non per il colore", ha minimizzato Biondini.

Nel finale di partita, a completare il quadro, ci si è messo anche uno 'scontro proibito' tra il neoentrato Robinho e Carmona, con il brasiliano che ha colpito quest'ultimo con una testata, ricevendo poi un pugno. L'arbitro non ha sanzionato i due, per i quali potrebbe scattare ora la prova tv. Intanto a Busto Arsizio inizieranno oggi le audizioni per i fatti di Pro Patria-Milan: fino a venerdì saranno interrogati 6 giocatori (tra cui Boateng) e il tecnico Allegri.

Sullo stesso argomento