thumbnail Ciao,

Stramaccioni non riesce a sorridere: "Vantaggio dilapidato, goal granata colpa di tutta l'Inter. Polemica Juventus? Noi non cerchiamo alibi..."

L'allenatore nerazzurro ha parlato dopo il 2-2 di San Siro contro il Torino. Squadra sfortunata, altri due infortuni, Chivu e Mudingayi. "C'è rammarico per oggi".

2-2 dell'Inter a San Siro contro il Torino. Un punto guadagnato vista la situazione prima del goal finale di Cambiasso, ma rammarico per come è giunta la prima rete di Meggiorini, quella dell'1-1 per i granata di Giampiero Ventura.

"Siamo partiti bene aggredendo il Torino nella propria metà campo, siamo andati in vantaggio, poi hanno fatto meglio di noi. Mea culpa per il nostro grande errore, rammarico generale" le parole di mistar Andrea Stramaccioni a 'Sky Sport'.

"Nel secondo tempo abbiamo preso questo goal, un pizzico di sfrortuna visto l'infortunio di Mudingayi al momento della rete avversaria. Dopo il 2-1 abbiamo fatto vedere le cose migliori, per cercare di vincere la partita abbiamo lasciato diversi spazi.

Potevano castigarci, c'è rammarico ma è risultato giusto. Non siamo fortunati, altri due infortunati con Chivu e Mudingayi. Credo che quest'ultimo abbia avuto l'infortunio peggiore, al tendine d'achille. Aspettiamo comunque, peccato per gli infortuni".


Stama non vuole pensare al calciomercato: "La nostra squadra ha la sua identità, dobbiamo dare tutto quello che abbiamo per raggiungere il terzo posto. Se arriverà qualcuno ok, altrimenti restiamo così. Dobbiamo preparare bene la prossima gara, abbiamo una settimana".

Cambiasso in campo nervoso: "Era arrabbiato perchè avevamo appena subito il goal, stavamo per fare il cambio... Errore collettivo sul nostro goal, non mi piace dare colpa a un singolo. Fatta giocata da ultimi venticinque metri, abbiamo sbagliato tutti, errore grave mio, del portiere, di Guarin. Di tutti. Abbiamo dilapidato il vantaggio".

Marotta ieri è sbottato contro gli arbitri: "Polemica Juventus? Noi non abbiamo mai cercato alibi. Penso solo alla mia squadra, gli altri si assumeranno le proprie responsabiltà".

Sullo stesso argomento