thumbnail Ciao,

La furia di Conte: "L'errore ci può stare, ma non accetto che l'arbitro mi dica 'non me la sono sentita'. Questo non è calcio"

E' un Conte furioso quello che commenta la partita pareggiata contro il Genoa, soprattutto per quanto accaduto nel finale di gara, col presunto rigore non concesso ai bianconeri.

E' stato un finale di partita incandescente quello vissuto a Torino in occasione di Juventus-Genoa, quando all'ultimo minuto il difensore rossoblù Granqvist è intervenuto in scivolata e dopo aver toccato calciato in maniera sbilenca il pallone gli è rimbalzato su un braccio. I bianconeri hanno protestato veementemente chiedendo un rigore che l'arbitro Guida non ha però concesso. Al fischio finale il tecnico bianconero Antonio Conte è stato uno dei più arrabbiati col direttore di gara e gliel'ha detto a muso duro uscendo dal campo.

E intervistato ai microfoni di Sky Sport, Conte non ha ancora sbollito la rabbia accumulata in panchina e le sue parole sono state pesanti... "C'è poco da spiegare - ha detto il tecnico bianconero - Penso che tutti abbiamo visto la gara, abbiamo visto gli episodi. Adesso basta col fair-play, tutti hanno visto che c'erano tre rigori per noi. Il mani di Granqvist, il fallo su Pogba e quell'altro su Vucinic. Oggi siamo andati un po' oltre. Accetto che mi si dica 'non ho visto, ho sbagliato', ma non accetto che mi si dica 'non me la sono sentita'. Questo rigore lo avrebbe visto anche un cieco e questo non è calcio".

Incalzato dai giornalisti di Sky Conte ha spiegato meglio... "Chi l'ha detto? Me l'ha detto Guida 'non me la sono sentita', e se io ascolto determinate cose un 'vergogna' è il minimo che possa dire. Ripeto, avrei accettato se avesse detto che non aveva visto. Ma questo non poteva dirlo perchè Rome, l'assistente d'area, aveva detto che era rigore".

"Ballardini ha detto che era involontario? - ha proseguito Conte - Non scherziamo, il regolamnento parla chiaro e dice che le braccia devono stare attaccate al corpo, invece le braccia del giocatore erano scomposte, hanno preso il pallone e quindi era rigore".

Sullo stesso argomento