thumbnail Ciao,

I bianconeri hanno chiesto un rigore per una trattenuta su Vucinic e un altro per un presunto mani di Granqvist. Sotto accusa, nel primo tempo, un tocco di braccio dell'ex Roma.

Due goal e tre rigori mancanti. Questo il bilancio di un Juventus-Genoa piuttosto agitato a causa delle polemiche arbitrali, ormai consuete per il nostro calcio. I bianconeri, in particolare, hanno reclamato in due occasioni la concessione del penalty, anche se nel primo tempo ha destato forti sospetti un tocco col braccio da parte di Mirko Vucinic.

E' stato questo, nel primo tempo, l'episodio più discusso, con i rossoblù a lamentarsi. La palla è stata toccata dall'attaccante montenegrino in maniera più che sospetta nella propria area, per cui le proteste dei liguri appaiono giustificate.

Piuttosto netta anche la trattenuta del genoano Antonelli ai danni proprio dell'ex Roma, a 10' dal termine, nella ripresa, a porta praticamente spalancata.

Per finire, il sospetto mani di Granqvist, che nel recupero, al 92', quasi regalava un rigore agli avversari. In quel caso, però, la sfera sembra sia andata a sbattere primna sulla gamba dello svedese e poi sulle sue braccia. In quel caso l'arbitro Guida ha giudicato involontario l'intervento del difensore, per una decisione che ha fatto letteralmente infuriare Antonio Conte, che ha urlato più volte: "E' una vergogna". Come un ultrà, in pratica...

Sullo stesso argomento