thumbnail Ciao,

Montella torna a Catania da avversario, la sua Fiorentina cerca il primo successo del 2013: “Non siamo in difficoltà, abbiamo fatto ottime partite”

In questi giorni si parla molto di Matri e Quagliarella: "Preferisco parlare dei ragazzi che ci sono, poi sappiamo tutti che stiamo parlando di due giocatori di grande qualità".

Ancora alla ricerca della prima vittoria nel 2013, la Fiorentina sarà impegnata domenica su un campo assai ostico. I viola infatti, dovranno vedersela al Massimino con il lanciatissimo Catania di Rolando Maran.

Vincenzo Montella dovrà rinunciare anche contro i rossazzurri a Pizarro a centrocampo: "Quando si è infortunato, il primo referto parlava di uno stop da tre a otto settimane, siamo quindi nei tempi, speriamo che sia pronto per la prossima partita con il Parma".

Per il tecnico della Fiorentina, la sfida con il Catania coincide con il ritorno in una piazza nella quale ha fatto molto bene ma con la quale si è lasciato con qualche polemica di troppo: "Io a Catania ho lasciato moltissimi amici poi fa parte del mio mestiere prendere anche qualche fischio. Al Massimino c'è sempre un ambiente festoso che trascina la squadra. Loro avranno tante assenze? Sono forti comunque, il Catania può lottare per l'Europa".

La Fiorentina si sta muovendo tantissimo sul mercato di gennaio: "E' arrivato Larrondo che è simile a Toni, ha grande volontà e sta crescendo. Vecino si è già allenato con noi, Wolski ancora no ma sono due giocatori di grande qualità, vedremo quanto ci metteranno ad integrarsi. La società si sta muovendo molto bene".

In questi giorni si parla molto di Matri e Quagliarella: "Io preferisco parlare dei ragazzi che ci sono, poi sappiamo tutti che stiamo parlando di due giocatori di grande qualità".

Infine un accenno sul momento che sta vivendo la Fiorentina: "Periodi come questo ti aiutano a crescere e a migliorare. Non c'è alcun problema di condizione, la squadra ha fatto ottime partite ma possiamo far meglio in fase di finalizzazione. Jovetic? Sta bene, deve solo ottimizzare la sua crsa visto che nelle ultime partite ha corso moltissimo. Si sacrifica per la squadra, poi è capitato anche a me di non segnare".

Sullo stesso argomento