thumbnail Ciao,

Il centrocampista rossoblù, contento per il ritorno di mister Ballardini, sprona i suoi a cambiare marcia, in modo da riuscire a raggiungere l'obiettivo salvezza.

La classifica piange. Il Genoa sa che non può più sbagliare, anche se il prossimo impegno di campionato, in programma domani sera allo 'Juventus Stadium', è di quelli da far tremare i polsi. Non ad uno come Juraj Kucka, però, che ha riabbracciato con piacere il tecnico Davide Ballardini, vecchia conoscenza del popolo rossoblù.

Il nazionale slovacco, esattamente come i vari Antonelli, Floro Flores, Jankovic, Moretti e Rossi, ha il vantaggio, rispetto ai nuovi, "di conoscere i movimenti che chiede il mister, la sua idea di calcio - le sue parole al sito ufficiale del club - Sta anche a noi aiutarlo a trasferirli velocemente ai compagni e accorciare i tempi, visto che di tempo che ce n’è poco".

Il Grifone ha assoluto bisogno di cambiare marcia: "Il calendario è difficile, ma qualunque occasione è utile per muovere la classifica e non perdere terreno dalle squadre che ci precedono".

Non sarebbe male per Kucka tornare al goal, aiutando così la squadra anche in avanti: "Con la maglia del Genoa ne ho segnati quattro, due in casa e due in trasferta, tra questa e la scorsa stagione. Non tanti, ma neanche zero. Fisicamente sto abbastanza bene, ma la condizione può ancora crescere".

Sullo stesso argomento