thumbnail Ciao,

Ringraziamenti e complimenti per Fiorentina e Napoli da parte del centrocampista campano, che non accetta critiche per la sua squadra: "Mancano solo i punti, il gioco c'è".

Giulio Migliaccio, centrocampista della Fiorentina, ex Palermo, non ha risparmiato parole d'elogio per il tecnico del Napoli, avversario dei viola nel lunch match di domenica scorsa, e all'emittente radiofonica napoletana 'Radio Crc' ha dichiarato: "Mazzarri non ha mai nascosto la stima che ha nei miei confronti e devo dire che è reciproca. Non ho però mai avuto la fortuna di essere allenato da lui ed io di giocare nel Napoli". 

Migliaccio allude anche alle voci che lo volevano alla corte di mister Mazzarri quest'estate, lui campano d'origine, prima che il Napoli acquistasse, ironia della sorte proprio dalla Fiorentina, in pacchetto Gamberini e Behrami, completando con lo svizzero la linea di centrocampo: "Quest'estate sono stato vicino al Napoli ma non ci sono stati gli incastri giusti affinché vestissi la maglia azzurra. Il Napoli ha pensato a me per integrare la rosa, c'è stato un avvicinamento ma purtroppo non si è concretizzato nulla. Ci tengo a ringraziare le società che hanno creduto in me e mi hanno fatto vivere una carriera più che dignitosa".

I complimenti non mancano anche per il Napoli, che a Firenze ha giocato bene, mettendo in difficoltà i padroni di casa e rischiando anche di tornare a casa con i tre punti: "Il Napoli a Firenze ha confermato di essere una gran bella squadra perché ci ha messo in difficoltà ed è stata l'unica squadra che lo ha fatto. Noi venivamo da un momento non positivo viste le assenze importanti come Pizarro che per la Fiorentina è fondamentale".

E a chi allude ad un calo fisico e mentale o ad un fuoco di paglia Migliaccio risponde piccato: "A Firenze non è finito il momento d'oro perché siamo consapevoli della nostra forza, delle qualità dell'allenatore e dei nostri tifosi. Nell'arco di una stagione ci può stare un momento di flessione anche se sono stati soli i risultati a non arrivare perché le prestazioni positive le abbiamo sempre offerte. La Fiorentina mi ha dato una grandissima opportunità e ho l'onore di giocare in una piazza ambiziosa".

Sullo stesso argomento