thumbnail Ciao,

Il tecnico rossonero ribadisce ancora una volta la difficoltà dell'impresa a fronte dei grandi cambiamenti avvenuti nella rosa: "Quando fai queste rivoluzioni, ci vuole tempo...".

Galliani e Berlusconi 'spingono', Max Allegri frena, comprensibilmente. Il 'borsino' della qualificazione del Milan alla prossima Champions League resta più o meno stabile, anche dopo la vittoria sul Bologna dell'ultimo turno.

Ora i rossoneri 'vedono' il terzo posto - buono per il preliminare - distante 9 punti, a fronte degli 11 di sabato scorso, e la dirigenza spinge a manetta sull'argomento. Il tecnico prova a spiegare il suo punto di vista sulla questione, mettendo un po' le mani avanti: "Ci sono sei-sette squadre che lottano per entrare in Champions. Noi faremo il massimo, anzi l'impossibile per raggiungere chi sta davanti, ma quando fai queste rivoluzioni che cambiano tutta la squadra, occorre un po' di tempo".

"Ci sono tante squadre rimaste fuori dalla Champions per un paio d'anni - argomenta Allegri - Se non ce la faremo, cercheremo di centrarla l'anno prossimo. L'obiettivo importante è acquistare maggiore autostima e finire il campionato in crescendo. In modo che la prossima stagione la squadra sia pronta per lottare per qualcosa di diverso...".

Sullo stesso argomento