thumbnail Ciao,

"Probabilmente i giocatori hanno accusato la stanchezza dei 120' di Firenze - dice il boemo - De Rossi? Ha sentito tirare al flessore, dobbiamo capire l'entità dell'infortunio".

Il rammarico fa capolino sul viso di Zdenek Zeman, dopo l'1-1 dell'Olimpico tra la sua Roma e l'Inter. Sperava di vincere, il tecnico boemo, ed invece alla fine si deve accontentare di un pareggio che ai giallorossi serve probabilmente a poco in ottica Champions League.

"Peccato - esordisce, intervistato da 'Sky' - perché abbiamo giocato un'ottima prima mezzora, e anche nel finale abbiamo fatto bene. Però la squadra ha mostrato meno ordine del solito: dobbiamo lavorare di più sui movimenti, e probabilmente i ragazzi hanno accusato un po' di stanchezza dopo i 120 minuti contro la Fiorentina".

Rispetto al match vinto all'andata, gli fanno notare, molte cose sono cambiate. In peggio. "Ma per me abbiamo fatto meglio stasera che non a San Siro - ribatte Zeman - Inter e Milan ci stanno sopra? Noi non ci sentiamo fuori dalla lotta per la Champions, e vogliamo dimostrarlo sul campo".

Uno sguardo specifico sui singoli giocatori: "La difesa ha retto bene: Marquinhos e Castan hanno disputato un'ottima partita, mentre Piris ogni tanto va un po' in confusione (ride, ndr). Tachtsidis ha sbagliato tre-quattro palloni facili, ma succede, non è facile entrare a freddo".

C'è preoccupazione per Daniele De Rossi, uscito all'intervallo per far spazio proprio al greco: per lui si parla di lesione al flessore. "Mi ha detto che si è sentito tirare - dice Zeman - Non so se riuscirà a recuperare per la Coppa Italia, dipende dalla gravità dell'infortunio".

Sullo stesso argomento