thumbnail Ciao,

Classifica nera e un gioco che latita non fanno perdere la fiducia al tecnico goriziano: "La voglia di cambiare passo c'è, lavorerò sulle motivazioni. Mercato? Non so...".

L'ennesimo passo falso complica ulteriormente il cammino salvezza del Genoa. Il pesante ko rimediato a Marassi per mano del Catania fa piombare ulteriormente in crisi i liguri, ma Luigi Del Neri nonostante tutto non perde l'ottimismo in vista delle prossime partite.

"Il momento non è per niente buono, ma il campionato è lungo e la volontà di cambiare passo c'è - ha detto il friulano - L'allenatore è sempre responsabile, nel bene e nel male. In questo momento, non felice, i risultati non dicono bene: la squadra soffre per il peso della classifica e per la pressione di dover vincere per forza. Ora lavorerò sulle motivazioni: in questo momento penso siano più importanti del senso tattico".

Sulla prova odierna, l'allenatore qualche indicazione positiva dai suoi l'ha ricevuta: "Non abbiamo giocato male. Nel primo tempo abbiamo avuto diverse occasioni, poi abbiamo colpito anche un palo. Infine, questo è vero, siamo un pò calati nella ripresa".

La panchina traballa, ma Del Neri non si preoccupa: "Non ho idea di cosa deciderà la società: io lavoro sempre per ottenere il massimo e vado avanti per la mia strada. Il nostro obiettivo è ancora alla portata. Siamo in sei, sette, otto squadrea a lottare per la salvezza. Mercato? Non so se si farà qualcosa, bisogna chiedere alla società. Dobbiamo far rendere al massimo i giocatori che abbiamo, poi vedremo".

Sullo stesso argomento