thumbnail Ciao,

Il patron biancoceleste è sembrato molto critico verso la squadra dopo il pareggio di Palermo. Sotto accusa l'atteggiamento con la quale la Lazio è scesa in campo nella ripresa.

La Lazio frena in Sicilia contro un Palermo sorprendente, il patron Claudio Lotito accusa la squadra di essere scesa in campo con un atteggiamento diverso nel secondo tempo, affermando di non aver visto una mentalità vincente in questo match.

Intervistato ai microfoni di 'Sky Sport', il presidente biancoceleste ha voluto fare i complimenti agli avversari, non alimentando troppe polemiche sull'episodio del goal annullato ai suoi: "Purtroppo gli episodi fanno parte di questo sistema. Abbiamo sprecato sicuramente la possibilità di conseguire un risultato pieno, complimenti al Palermo che ha giocato con il cuore fino alla fine".

Secondo Lotito è mancata umiltà nella ripresa: "Abbiamo avuto un calo mentale, un atteggiamento non da grande squadra. Forse abbiamo segnato troppo presto, eravamo tranquilli e dominavamo. Nel secondo tempo eravamo troppo convinti di aver già portato a casa il risultato. Abbiamo provato a gestire il risultato, ma questa non è una mentalità vincente".

Sulla rincorsa alla capolista il presidente non si sbilancia: "La Juventus? Noi dobbiamo pensare a quello che facciamo noi, non guardiamo le altre squadre. Dobbiamo restare sempre concentrati anche con le squadre che apparentemente sono più deboli di noi".

Infine un commento sul mercato: "Anche noi su Lisandro Lopez? Non ne so nulla, non penso sia un nostro obiettivo perché nessuno me ne ha parlato. Interventi sul mercato? Appesantire la rosa non sarebbe adeguato, andrebbe ad incrinare l'equilibrio che c'è nello spogliatoio. Diventa molto complicato inserire nuovi elementi".

Sullo stesso argomento