thumbnail Ciao,

Il tecnico dei toscani sfiderà la squadra che lo scorso anno riportò in A: "Sarà emozionante, ma penso al presente". E sull'altro ex Pozzi dice: "Può darci una grossa mano".

Sarà una domenica speciale per Giuseppe Iachini. Il Siena, infatti, riceverà la visita di quella Sampdoria tornata immediatamente in serie A sotto la sua guida dopo un anno di purgatorio. Il tecnico non dimentica il passato, ma assicura di pensare solo a come far uscire i toscani dalla crisi.

"Incontrare la Sampdoria per me è sicuramente emozionante perché abbiamo vissuto una stagione esaltante, ma io sono l’allenatore del Siena e sarò concentrato solo sulla mia squadra e sulla partita che dobbiamo fare - ha detto Iachini in conferenza stampa - Nonostante i risultati negativi siamo in crescita sul piano del gioco e del carattere, con questo spirito dobbiamo onorare al massimo questa maglia e andare a cercare i punti per riagganciare le squadre che ci precedono".

Segnali confortanti dai suoi, Iachini li ha notati, ma adesso conta tramutarli in fatti: "In queste tre partite siamo sempre stati squadra, dal primo all’ultimo minuto ora dobbiamo limitare al massimo quegli errori che hanno compromesso le nostre gare. Dobbiamo scacciare questo clima di negatività e possiamo farlo solo lavorando duro sul campo e portando a casa quei risultati che aiutino la gente a starci vicino. Facciamo una serie positiva, poi fra due mesi ne riparleremo".

Chiusura dedicata all'ultimo arrivo in casa bianconera, Nicola Pozzi (altro ex della gara): "È un giocatore di grande qualità, cercheremo di recuperarlo in fretta e soprattutto bene perché può darci un grande aiuto - ha sottolineato Iachini - Ha sempre segnato in carriera, può essere un acquisto importante in un mercato difficile come quello di gennaio".

Sullo stesso argomento