thumbnail Ciao,

Nel 1998, Juve e Inter si giocavano lo scudetto in uno scontro diretto ad alta tensione. E quel rigore su Ronaldo non concesso ai nerazzurri fa ancora star male Pagliuca.

Se Bonucci ha il 5 maggio nel cuore, a Gianluca Pagliuca è rimasto sullo stomaco un altro giorno di qualche anno prima. Juventus ed Inter si contendono lo Scudetto del 1998 e quel celebre fallo da rigore di Iuliano su Ronaldo non sanzionato dall'arbitro Ceccarini, è rimasto intatto nei pensieri dell'ex portiere interista in tutti questi anni.

"In quel Juve-Inter, mi sono sentito un po' preso per i fondelli - ha commentato Pagliuca ai microfoni di 'Ryar Web Radio' - Quello scudetto si può dire che ce l'hanno rubato già nella settimana precedente. In quell'occasione, la Juventus giocò contro l'Empoli e Peruzzi 'salvò' da oltre la linea di porta un tiro di Bianconi. Così come fece Ferrara contro l'Udinese su un tiro di Bierhoff".

"Quello su Ronaldo, poi, era un rigore grosso come una casa - ha proseguito l'ex portiere nerazzurro - Non ci venne concesso e sul capovolgimento di fronte ne venne concesso uno a Del Piero, che fortunatamente parai. E' questo il cruccio nella mia carriera interista, visto che oltre ad aver vinto la Coppa Uefa credo che avremmo meritato di vincere anche lo Scudetto, perchè disputammo davvero una grande stagione".


Sullo stesso argomento