thumbnail Ciao,

Il presidente della federazione gioco calcio, appena rieletto, ha parlato di quelli che saranno i suoi obiettivi per il suo secondo mandato consecutivo.

Giancarlo Abete è stato rieletto per la seconda volta presidente della FIGC. Il dirigente sportivo, dopo aver ricevuto la quasi totalità delle preferenze a scrutinio segreto, ha parlato ai microfoni di Sky Sport 24 di quanto intenderà fare nei prossimi 4 anni.

"C'è grande soddisfazione da parte mia, riuscire a tenere unito il mondo del calcio è una cosa importante. A scrutinio segreto avere un consenso ampio è motivo di grande soddisfazione per un dirigente sportivo. Legge sugli stadi? Cercheremo di fare capire che c'è un costo per la comunità pari a zero. Attivare un percorso come quello degli stadi determina maggiore lavoro per tutti e maggiore competitività per il gioco del calcio. Cercheremo inoltre di fare in modo che queste nuove strutture non possano avere ripercussioni dal punto di vista ambientale".

Un altro punto focale sarà la riforma della giustizia sportiva. Abete conferma che non verrà eliminato il principio della responsabilità oggettiva: "Riforma della giustizia sportiva e responsabilità oggettiva? La realtà delle scommesse ci sta accompagnando, ancora ci sono delle inchieste che determineranno dei procedimenti penali e dei provvedimenti sportivi. La responsabilità oggettiva verrà rivista tenendo conto di due elementi: permarrà sicuramente il principio, è anche un principio delle altre federazioni e non può non essere eliminato. Ma ci saranno anche delle attenuanti e delle esimenti, non verranno penalizzate le società che hanno fatto in modo che ciò non avvenisse".

La conclusione è dedicata a Balotelli e all'ingresso in consiglio federale di Simone Perrotta: "Balotelli? I comportamenti delle persone dipendono dalle persone stesse. In nazionale si è comportato sempre bene, ma le valutazioni relativamente alla nazionale le farà Prandelli. Che ha qualità sia dal punto di vista morale che tecnico. Accoglieremo con soddisfazione Simone Perrotta, mi sono complimentato con lui".

Sullo stesso argomento