thumbnail Ciao,

La Fiorentina fa visita all'Udinese, Montella ripensa a Di Natale: "Gli piacerebbe lavorare con me, ma non se la sente di lasciare Udine. Lampard? Mi piacerebbe allenarlo"

Il tecnico viola ha parlato in conferenza stampa, facendo il punto della situazione dopo la brutta sconfitta subita con il Pescara e presentando il match contro l'Udinese.

La Fiorentina deve rialzare la testa dopo la brutta sconfitta subita in casa contro il Pescara. Lo può fare sul difficile campo dell'Udinese, il tecnico Vincenzo Montella ha parlato dei prossimi impegni e di alcuni movimenti di mercato: uno su tutti la possibilità di vedere Antonio Di Natale in maglia viola.

Intevenuto in conferenza stampa, il tecnico ex Roma ha spiegato lo stato d'animo dei suoi: "Risposte già avute in allenamento, la squadra è viva, non c'è contraccolpo: la squadra ha dimostrato di essere presente anche nella sconfitta, anche se negli ultimi 20 minuti sarebbe potuta essere più lucida. Per avere esperienze bisogna viverle: non mi era mai successo di perdere una partita del genere, al massimo puoi pareggiarle... Nessuno poteva pensare che il Pescara avrebbe segnato".

Per quanto riguarda il mercato, Montella rivela il retroscena con Totò Di Natale e spende alcune parole sul sogno Lampard: "C'è amicizia di lungo corso con lui e stima per il giocatore, ho capito che in fondo gli piacerebbe lavorare con me ma magari non se la sente di lasciare Udine e probabilmente è giusto così, anche perché non è detto che a Firenze giocherebbe sempre, e forse lo ha capito...

Larrondo? Lo stiamo trattando. Lampard? Mi piacerebbe allenarlo...Il fatto che gli piaccia la Fiorentina è motivo di orgoglio: è professionale e integro fisicamente, se accetta la panchina qualche volta ci farebbe comodo..Per quanto riguarda l'attacco, se arriva un centravanti bene, ci fa comodo. Se non arriva faremo senza".


Sui singoli il tecnico della Fiorentina fa il punto della situazione: "Cuadrado ha pagato il fatto che non fosse una partita come un'altra ad Udine in Coppa Italia, mi auguro di vederlo meglio domenica. Jovetic lo vedo benissimo fisicamente, mi aspetto molto da lui domani. Aquilani è molto duttile, può fare anche il ruolo di Pizarro, è completo. Le alternative a Pasqual e Cuadrado? Ce le abbiamo: Llama a sinistra, Cassani e Romulo a destra. Se non esce nessuno stiamo bene così".

Il prossimo avversario arriva dalla vittoria scoppiettante contro l'Inter, Montella mette in guardia i suoi per l'Udinese: "Sono molto forti, hanno giocatori di talento e sono in un buon momento. Bisogna essere molto bravi sulle marcature, con Muriel e Di Natale davanti sono molto pericolosi".

Infine un commento sul problema realizzativo: "E' un problema sottile, inconsapevole la differenza: in parte credo possa essere successo, ma non deve succedere. Potrà ricapitare di andare sotto e dover recuperare, non è un discorso in generale, ma riferito nello specifico a quella partita perché nessun giocatore lo aveva vissuto".

Sullo stesso argomento