thumbnail Ciao,

L'attaccante del Milan, che salterà il match di Marassi per squalifica, confessa quanto ancora si senta blucerchiato: "Palombo? Era ingiusto tenerlo ai margini, ha fatto la storia"

Giampaolo Pazzini sarà il grande assente del match che domenica vedrà contrapposto il Milan alla sua vecchia Sampdoria: il bomber infatti è stato fermato per squalifica dal Giudice Sportivo.

Intervistato dal 'Secolo XIX, l'attaccante di Pescia spende parole al miele per la sua ex squadra: "Avrei voluto esserci perché questo stadio mi dà sempre un sacco di emozioni, mi ricorda tanti momenti felici. La Sampdoria deve stare in Serie A per storia, blasone, tifoseria, tutto.

Palombo? Era ingiusto tenerlo ai margini perché ha fatto la storia della Samp. Ci sentiamo sempre, gli ho fatto un 'in bocca al lupo' prima della partita contro la Juve. Gradinata Sud? E' stato per me un grande orgoglio aver condiviso con uno dei più grandi attaccanti italiani quel coro. Mi manca, è chiaro...".

Il presente del 'Pazzo' si chiama tuttavia Milan:"Mi trovo bene, è un grande club. Quest'anno all’inizio è stata dura ma adesso abbiamo iniziato a giocare meglio e arrivano i risultati. Berlusconi? Quando arriva un presidente così titolato negli spogliatoi, uno che ha un sacco di medaglie come lui, è chiaro che lo senti. Mette anche un po’ di soggezione.

El Shaarawy? E' un ragazzo bravissimo oltre che un gran giocatore. E' sempre disponibile, è umile e rispettoso, non presuntuoso e queste sono grandi doti. Da un punto di vista tecnico, quel che colpisce è la sua freddezza sotto porta, cosa rara per un ragazzo così giovane. E ha ancora ampi margini di miglioramento...".

Ed a proposito di giovani, Pazzini spende parole importanti anche per il doriano Mauro Icardi, letteralmente esploso nelle ultime giornate: "Mi piace molto. L’ho visto in televisione contro il Genoa, è una partita che non si può perdere. E' stato molto bravo perché non è facile giocare in quella maniera una partita del genere. Ottimi movimenti, ottima tecnica, si vede che il giocatore c'è. Anche contro la Juve, il secondo goal poteva farlo solo tirando in quella maniera. Poi è chiaro che gli manca ancora la malizia, ma sarebbe strano che l'avesse già".

Sullo stesso argomento