thumbnail Ciao,

Solo 8 voti sono stati raccolti dal favorito Andrea Abodi, tre quelli raccolti dallo sfidante Ezio Maria Simonelli. Sono necessari 14 voti per l'elezione.

Neanche questo venerdì 11 gennaio è stato il giorno giusto per l'elezione del nuovo presidente della Lega di Serie A. Dopo il nulla di fatto a fine 2012, infatti, anche oggi la votazione per l'elezione del presidente che succederà a Maurizio Beretta come numero uno del massimo organismo della Serie A è stata infruttuosa.

Con la votazione, avvenuta dopo le 17:00, però, non è stato raggiunto il quorum di 14 voti necessario per l'elezione. Solo 8 voti, infatti, sono stati raccolti dal favorito Andrea Abodi, 3 quelli raccolti dallo sfidante Ezio Maria Simonelli.

Due consensi invece per il presidente della Lazio, Claudio Lotito e una preferenza per il presidente uscente, Maurizio Beretta. E gli altri sei? Quattro le schede nulle e due le schede bianche. A breve la seconda votazione.

L'indecisione regnante si intuisce bene dalle parole rilasciate dal patron biancoceleste il mese scorso: "La politica della Lega deve essere interpretata da una persona che abbia autorevolezza autonoma che prescinda dalla carica. E' come se una persona vuole entrare a una festa in una casa dove non è bene accetto da tutti: è sbagliato, poi si crea una frattura. Sarebbe meglio mettersi intorno al tavolo e condividere certe scelte''.

Nel tardo pomeriggio, poi, i presidenti hanno deciso di non procedere ad una nuova votazione in serata ma di rinviare il tutto a data da destinarsi.

Sullo stesso argomento