thumbnail Ciao,

Il genitore del centrocampista juventino ha cercato di gettare acqua sul fuoco: "Tutte falsità, lui parlava di una sana rivalità sportiva. Polemica montata ad arte".

Odio sportivo, o per meglio dire antipatia causata dalla vittoria in Coppa Italia contro la sua Juventus. Polemica inutile su Claudio Marchisio, accusato per le parole contro il Napoli. Meglio i calciatori tifosi o monosillabici? Il pubblico si divide, mentre il padre del giocatore si erge a difensore.

Nella città partenopea sono furiosi per le parole del figlio: "Nè io nè Claudio ci siamo mai sognati di pensare minimamente di odiare Napoli e i napoletani, è una cosa, una polemica montata ad arte" le parole di Stefano Marchisio a 'Radio Marte'.

"Dieci giorni fa sono stato in vacanza a Napoli per Natale, è questo è un altro indizio per capire che sono tutte falsità. Le sue dichiarazioni si basano su una sana rivalità sportiva, anzi, lui nell'intervista parla molto bene dei meridionali e del sud. Poi basti pensare che sua moglie è di origine calabrese, mentre mia moglie invece è siciliana".

Insomma, una poemica assurda: "Claudio è tra l'altro molto amico di tanti giocatori del Napoli tra l'altro. La risposta della Juventus e non sua? Lui a livello contrattuale deve sottostare alla società". Magari prossimamente arriverà, in ogni caso, il chiarimento.

Sullo stesso argomento