thumbnail Ciao,

Il tecnico ducale ha parlato della prossima sfida contro i bianconeri e non solo. Un pensiero lo rivolge alle milanesi: "Stanno incontrando difficoltà di natura diversa".

Domenica il Parma ospiterà la capolista. Al Tardini è in programma la sfida con la schiacciassi Juventus. Di certo, Roberto Donadoni, non dormirà sonni tranquilli, visto che la sua squadra è l’unica a non aver perso una partita in casa in questa stagione.

Sarà per un “fattore psicologico” come ha rivelato l’ex milanista al ‘Corriere dello Sport’, sarà che questo Parma gioca bene e fa sul serio ma l’obiettivo è bloccare la corsa bianconera: “Fermare la Juventus? È sicuro che ci proveremo, cercando di mettere in campo le nostre qualità e provando a giocare senza timori di sorta. Sulla carta è una sfida quasi impossibile, ma così eccitante da raddoppiare gli stimoli”.

Poi tralasciando i gialloblù, sul difficile campionato delle milanesi afferma: “Non le metterei sullo stesso piano. Milan e Inter stanno incontrando difficoltà di natura diversa. I nerazzurri fanno fatica a scrollarsi di dosso l’anno irripetibile del triplete mentre i rossoneri hanno intrapreso un percorso nuovo rinunciando a campioni del calibro di Ibrahimovic e Thiago Silva. Entrambe hanno bisogno di tempo per lavorare”.

Riguardo al Milan, il tecnico ducale spende anche una parola per il neo acquisto Riccardo Saponara, in forza all'Empoli: “In questi mesi l’ho seguito: un giocatore forte e, dalle informazioni in nostro possesso, anche un ragazzo serio”.

Infine sulla sua permanenza a Parma: “Sono un tipo concreto, che preferisce i fatti alle parole. E mi piace stare in un ambiente dove c’è un progetto e tutti spingono nella stessa direzione. Qui, adesso, è così. E con Ghirardi e Leonardi il rapporto è straordinario. Poi se le cose cambieranno, non lo posso sapere. Ma giudico il presente e il presente mi piace”.

Sullo stesso argomento