thumbnail Ciao,

Celik ha cambiato idea, non vuole più lasciare il Pescara: "Voglio restare e rispettare il mio contratto"

Dopo mesi di panchina agli ordini del tecnico Giovanni Stroppa, Celik, ha finalmente trovato la fiducia e lo spazio necessario grazie a Cristiano Bergodi. Restare la priorità.

Alcuni mesi di offuscamento, poi la definitiva consacrazione con la maglia del Pescara: Mervan Celik, fantasista svedese classe 1990 di chiare origini turche, è ormai diventato un punto di riferimento per la squadra abruzzese allenata da Cristiano Bergodi. Giovanni Stroppa, ex tecnico del Pescara, non era affine al giocatore, vista l'eccessiva mole di giocate messa costantemente in mostra dallo svedese.

Il giocatore non ha adesso alcuna intenzione di lasciare Pescara, come precisato in conferenza stampa: "Resto qui al Pescara. Ho un contratto con il club ed intendo assolutamente rispettarlo. Perché volevo lasciare? Volevo andarmene perché non giocavo. Non vi so dire però i motivi del mio mancato utilizzo, nessuno me li ha mai spiegati,. Siedevo in panchina e basta".

In molti dunque si sono chiesti se c'è del rancore da parte di Celik nei confronti di Stroppa, ma lo stesso numero 10 della squadra biancazzurra, ha preferito glissare: "Non voglio parlare di Stroppa perché fa parte del passato. Ora c'è Cristiano Bergodi che è una persona molto diretta. Mi dice sempre cosa devo fare in campo ed io cerco sempre di ripagare la sua fiducia".

Un'ultima battuta il giocatore l'ha riservata alla sfida contro l'Inter, match che all'andata finì 3-0 per la squadra nerazzurra. Un match sicuramente difficile quello a San Siro contro i nerazzurri. Celik però non pare aver paura di affrontarlo: "Sabato affronteremo una squadra molto forte, noi però scendiamo in campo sempre per vincere. A San Siro sarà durissima, ma ci proveremo comunque".

Sullo stesso argomento