thumbnail Ciao,

Il tecnico dei ducali ha commentato così la vittoria sul Palermo: "Non nego che siamo stati fortunati, loro meritavano qualcosa in più. L'obiettivo? Assolutamente la salvezza".

All'ultimo respiro ci ha pensato Amauri a regalare al Parma il terzo successo consecutivo e l'ottavo posto in classifica. Donadoni, però, sa bene che la vittoria sul Palermo non è certo una di quelle di cui andare fieri. I tre punti sono importanti, ma il tecnico dei ducali non è rimasto contento dell'atteggiamento dei suoi.

"Oggi il risultato piu' giusto era il pari - ha detto in sala stampa - , il Palermo e' arrivato rabbioso, noi non siamo stati bravi ad affrontare la loro voglia. I ragazzi sono dispiaciuti per questo, ma i tre punti sono un bel toccasana. Il fatto di aver colto i tre punti oggi contro questo Palermo e' motivo di orgoglio, non nego un pizzico di fortuna nel riuscirci".

Prima il bastone, poi la carota per un Parma che sta viaggiando a gonfie vele: "Quello che abbiamo fatto nel girone di andata è sotto gli occhi di tutti, il merito va ai ragazzi. Oggi non abbiamo disputato la nostra migliore gara ma l'aspetto positivo è che non abbiamo mollato. Questa e' una squadra che sta acquisendo un certo tipo di mentalità, sfido chiunque ad analizzare le gare di quest'anno ed a trovarne una in cui abbiamo ottenuto oltre ai nostri meriti".

Donadoni punta a fare sempre meglio, ma ricorda a tutti di non montarsi la testa..."Il cammino è lungo e difficile, non abbiamo ancora fatto nulla. Sono felice per il Presidente Ghirardi per il record di punti, migliorarsi è sempre stimolante. Questo però deve essere a sua volta uno stimolo per il futuro, basta poco per sciupare tutto. Non voglio sentire discorsi che la quota quaranta è vicina, anticipo questo perchè è un'idea che non voglio che venga sfiorata da nessuno".

Aver ritrovato Amauri è motivo di gioia per il tecnico gialloblù: "Mi fa piacere che abbia segnato Amauri che è una testimonianza di come chi entra possa essere decisivo. Mi fa ancora piacere che abbia segnato lui, si è presentato da Natale con un piglio davvero giusto, un atteggiamento che porterà risultati ancora migliori".

Belfodil, invece, è ormai diventato una sentenza: "Ha fatto alcune cose positive e una decina che mi hanno fatto arrabbiare. Deve lavorare di piu' sulle sue importanti qualità". Chiusura sul prossimo avversario, la Juventus: "Abbiamo il dovere di pensare partita dopo partita, la prossima sarà contro la Juve che sarà arrabbiata. Per noi sarà stimolante..."

Sullo stesso argomento