thumbnail Ciao,

La Sampdoria compie l'impresa in casa della Juventus, Rossi risponde ai bianconeri: "Rigore su Matri? Appena ha sentito il contatto è crollato. Abbiamo fatto un'impresa epica"

Il tecnico della Sampdoria ha risposto alle proteste bianconere, commentando il presunto rigore su Matri e rivendicando un goal regolare non dato alla propria squadra.

La Sampdoria compie l'impresa e batte la Juventus sul suo campo. Il tecnico Delio Rossi è sembrato raggiante al termine del match, commentando anche le decisioni arbitrali, che tanto hanno fatto protestare i bianconeri al fischio finale.

Intervistato ai microfoni di 'Mediaset Premium', l'ex allenatore della Lazio ha riassunto in poche parole l'andamento del match: "Non so se eravamo noi ad andare troppo forte o la Juve ad andare troppo piano. Probabilmente la verità sta nel mezzo. A mio modo la squadra è rimasta sempre in partita. C'è stata anche un pizzico di fortuna e di incoscienza. E' stata un'impresa epica, vincere 10 contro 11 in casa della Juventus. Abbiamo anche avuto altre qualità come diligenza, voglia e sacrificio".

Rossi risponde alle proteste della Juventus, in particolare sull'episodio del rigore negato a Matri: "Appena l'ha toccato Matri s'è buttato. Mi sembra che l'attaccante bianconero sia crollato. Anche a noi c'è stato annullato un gol che, secondo me, era regolare. Ad ogni modo la Juventus è la squadra più forte che c'è in Italia, a prescindere dalla sconfitta".

Infine un commento su Palombo, che ritrova il campo dal primo minuto dopo molto tempo e su Icardi: "Penso che sia un giocatore ritrovato, ha giocato e dato il suo. La società mi ha detto che questi erano i giocatori a disposizione e Palombo è stato bravo a farsi trovare a disposizione. Non ho visto un giocatore demotivato. Icardi? Lo ho a disposizione da 10 giorni, ancora non lo conosco bene. Lo trovo sciocco mandarlo a giocare in un torneo giovanile quando ne ho bisogno in questo momento".

Sullo stesso argomento