thumbnail Ciao,

Il tecnico dell'Udinese è soddsifatto dopo la bella vittoria della sua squadra, al Friuli, contro l'Inter di Stramaccioni.

L'Udinese non poteva iniziare meglio il nuovo anno, e chiudere meglio il girone d'andata di Serie A. Al Friuli, infatti, i bianconeri hanno battuto per 3-0 l'Inter, con doppietta di Di Natale e goal di Muriel. Ovviamente molto soddisfatto è il tecnico dei friulani, Francesco Guidolin.

"E' stata una gara vibrante, accesa - ha detto il mister bianconero - Secondo me poteva vincere chi approfittava del momento. Udinese e Inter sono due squadre che vanno a fiammate, che quando recuperano la palla possono far male. Goal bellissimo il primo di Di Natale e grande assist di Lazzari, ma prima della nostra rete ci sono state più fiammate nerazzure. Dopo l'1-0, per noi è stato tutto più bello ed esaltante, proprio perchè avevamo sbloccato e avevamo più spazi".

Guidolin, comunque, rende l'onore delle armi ai nerazzurri... "Il risultato non dice la verità sull'andamento della partita - ha detto - E' stata una vittoria bella ma sofferta, come quela in Coppa Italia, come contro il Milan. Sono soddisfatto, abbiamo ricominciato nel migliore dei modi il campionato, dopo aver lavorato bene in settimana. E' andata bene e così ci avviciniamo al nostro obiettivo principale".

Il tecnico bianconero spende poi parole d'elogio per il suo bomber principe... "Di Natale a 200 goal? Non voglio portare sfortuna, ma spero possa rimanere così a lungo - ha detto Guidolin - Siamo soci in affari, sarebbe importante anche per me. Perchè ero arrabbiato coi miei anche a fine gara, nonostante il triplo vantaggio? In panchina non bisogna fare i fenomeni, noi siamo una squadra che ha subito diversi goal finora, dunque se capita una giornata dove non subiamo devo essere arrabbiato anche alla fine se commettiamo errori come quel contropiede di Palacio che poteva costarci il goal. Per questo mi sono irritato a fine gara".

"Nel secondo tempo - ha detto ancora Guidolin - credo di aver visto una partita praticamente perfetta da parte della mia squadra. Giocate in velocità, armonici ed organizzati come il presepe vicino a casa mia. L'espulsione di Juan Jesus? Non credo sia stata decisiva. Del resto eravamo già in vantaggio. Avevamo comunque più spazi, la chiave è stato il primo goal di Totò. Ero certo che chi avesse segnato per primo avrebbe potuto vincere la gara. Il presunto rigore su Palacio? Non giudico gli arbitri, ma mi sembra non ci sia stato niente".

"Se mi aspettavo un calo nerazzurro nel secondo tempo a causa degli allenamenti durante la pausa? Io ho semplicemente visto una grande Udinese in settimana - ha detto ancora Guidolin - Parlo di casa mia, non degli altri. Per il momento stiamo andando bene, non come gli altri anni. Altrimenti sembrerebbe che noi siamo troppo furbi e gli altri troppo stupidi. Il futuro? Spero che per noi sarà positivo".

Sullo stesso argomento