thumbnail Ciao,

Ventura non ci crede: "C'è rammarico, il Torino ha perso troppi punti per strada. Mercato? Ho chiesto Robinho..."

0-0 dei granata al Massimino nonostante l'espulsione di Lodi nella prima frazione. Nel primo tempo, tra l'altro, il Catania ha sbagliato un calcio di rigore con Bergessio.

Intervenendo in conferenza stampa dopo il pareggio ottenuto sul campo del Catania, Giampiero Ventura - tecnico del Torino - si è mostrato molto rammaricato per ciò che i suoi, in superiorità numerica per quasi tutta la gara, non sono riusciti a fare.

"Raccogliere un punto su un campo difficile come Catania sarebbe stato sicuramente da accettare alla vigilia. E' chiaro che abbiamo un po' di rammarico perché fuori casa solitamente il Torino sa fare partite sopra le righe: abbiamo avuto una grande occasione a giocare buona parte della gara in superiorità numerica, ma chiudiamo il girone d'andata con 21 punti, quindi abbiamo fatto ciò che era messo in preventivo, nonostante abbiamo lasciato molti punti per strada".

I granata non sono riusciti a fare la gara nonostante la superiorità numerica e Ventura non può certo ritenersi soddisfatto al 100%. "Oggi ho visto un Torino diverso, abbiamo creato poco rispetto a ciò che avremmo potuto fare. Il mio rammarico non è relativo al fatto che avremmo meritato di vincere, ma al fatto che avremmo dovuto e potuto fare una partita diversa".

Cerci è stato uno dei granata più brillanti, ma Ventura spiega così la sostituzione: "Il Catania non veniva più fuori, allora ho pensato di inserire Verdi che, peraltro, ha avuto l'occasione più ghiotta per fare goal. Non credo che un singolo avrebbe cambiato la partita".

Interrogato, infine, sul mercato, Ventura ha chiosato: "Preoccupato? Assolutamente no, la società farà ciò che ritiene più giusto. Io devo pensare soltanto alla squadra". Alla successiva domanda, ancora sui possibili rinforzi, Ventura ha chiuso con una battuta: "Ho chiesto Robinho, ma purtroppo ha detto di no".

Sullo stesso argomento