Dalle mani di Redknapp applausi per Boateng: "Ha preso una posizione forte, nella vita non c'è spazio per il razzismo"

L'allenatore del QPR ha elogiato il suo ex giocatore, che nella giornata di ieri ha reagito contro gli insulti dei tifosi della Pro Patria. "Fanno male alle persone, è sbagliato".
L'episodio di razzismo accaduto in Milan-Pro Patria ha fatto il giro del mondo. Kevin-Prince Boateng, centrocampista rossonero, ha scagliato il pallone in curva contro i 'tifosi' che lo hanno beccato per tutta la partita.

Certo, si discute di falso perbenismo, di episodi di razzismo diversi (vedi insulti ai napoletani) e di pene più o meno differenti. Fatto sta, che tutto questo risulta sbagliato, assurdo e sopratutto, da punire.

Per dare un messaggio, contro ogni simil episodio, contro gli insulti nei confronti di realtà disagiate o delle discriminazioni del colore della pelle.

Harry Redknapp, attuale allenatore del QPR ed ex mister del ghanese, ha elogiato in conferenza stampa il giocatore di Allegri: "Non c'è spazio nella vita, come nel calcio, per il razzismo. Boateng ha preso una posizione forte su un soggetto delicato".

"Gli insulti a sfondo razziale sono sbagliati per principio, fanno male alle persone" ha sentenziato con decisione l'ex tecnico del Tottenham, che nell'ultima giornata di Premier ha battuto il Chelsea per 1-0. "Posso solo applaudire Boa per quanto ha fatto ieri".