thumbnail Ciao,

L'attaccante di Zeman ha fatto il punto sulla sua situazione nella capitale, dalle voci infondate su un suo addio, alla riposta al presidente rossonero. Fino a Balotelli.

Niente Stati Uniti, niente visia allo stabilimento Disney, niente pace per Pablo Daniel Osvaldo. Si è scatenato un caos mediatico sulla mancata partenza dell'attaccante italo-argentino, insieme alla sua Roma, per la tourneè invernale voluta dalla proprietà Pallottiana.

"Io mi auguro che la Roma sia il mio futuro, non ho mai detto di voler andare via dalla Roma. Vorrei restare a lungo" dichiara l'ex Fiorentina a 'Sky Sport'. "Il colloquio avuto con la dirigenza? Volevano sapere solamente se stavo bene, non altro".

Osvaldo ci tiene a precisare, ancora una volta, il perchè: "Non sono andato in America perchè stavo male, si è generato un casino ma in realtà non è successo nulla, tutte le voci erano infondate". Berlusconi ha detto di considerarlo vecchio. Scatta la piccata risposta: "E' vero che sono vecchio, ma contro il Milan stavo molto bene... Ma se lo dice lui… mi arrendo".

Ieri è stata la giornata della rissa tra Balotelli e il proprio tecnico: "Arrivare alle mani con Mancini è troppo, lo dico per esperienza (ride, ndr). Io però conosco l'altro lato di Mario, so che è un bravo ragazzo. Prometto che nel 2013 starò più attento a non prendere tanti cartellini rossi".

Il posticipo della 19esima giornata sarà spettacolo puro: "Sarà una grande partita contro il Napoli, sarà uno spettacolo per la gente. Cavani è più forte di me, ma credo che in classifica potremo arrivare prima del Napoli. Sarebbe bellissimo poter vincere la classifica dei cannonieri".

Sullo stesso argomento