thumbnail Ciao,

Il tecnico del Milan ha commentato quanto accaduto nello stadio di Busto Arsizio, dove i calciatori di colore della squadra rossonera sono stati oggetto di cori razzisti.

Pomeriggio di rabbia per il Milan. Quella che doveva essere una festa, l'amichevole a Busto Arsizio contro la Pro Patria, si è invece trasformata in una sagra del razzismo, con una parte dei tifosi che occupavano la tribuna che hanno costantemente indirizzato 'buuu' razzisti ai calciatori di colore del Milan in campo. Tanto che la squadra rossonera ha abbandonato il campo dopo una mezzora di gioco. Amaro il commento in conferenza stampa del tecnico rossonero Massimiliano Allegri.

"Siamo dispiaciuti e amareggiati per quanto è successo - ha spiegato Allegri - ma credo che il Milan abbia fatto la scelta giusta di non rientrare più in campo, non solo per rispetto dei propri giocatori ma anche per rispetto di tutti. Credo che bisogna smetterla con questi gesti incivili, credo che un Paese come l'Italia debba migliorare sotto questo punto di vista, debba diventare un Paese più civile, più educato e un pochino più intelligente".

"Mi dispiace soprattutto per gli altri tifosi, tutte quelle famiglie, quei bambini, che erano venuti allo stadio a passare una bellissima giornata, visto che era anche una bella giornata di sole - ha proseguito il mister rossonero - Con la società siamo già d'accordo e abbiamo promesso di tornare per far passare a queste persone, che sono venute allo stadio in modo civile, un bel pomeriggio".

"Ci dispiace per i giocatori della Pro Patria, e per la società stessa - ha concluso Allegri - ma non potevamo prendere una decisione diversa anche per dare un segnale che spero abbia un seguito nel caso dovesse succedere una cosa del genere anche durante i campionati, dalle serie minori dei dilettanti fino alla Serie A. Ci scusiamo di nuovo, sperando che questi eventi incivili non succedano più".

Sullo stesso argomento