thumbnail Ciao,

Il centrocampista biancoceleste, autore di una grandissima prima parte di stagione, ha fatto il punto della situazione, facendo considerazioni sull'attuale classifica.

La Lazio chiude il 2012 al secondo posto in classifica, mostrando ottime prestazioni sia in campionato che in Europa League. Il centrocampista Antonio Candreva, autore di una prima parte di stagione davvero convincente, ha fatto il punto della situazione, sia dal punto di vista della squadra che su quello personale.

Intervistato ai microfoni di 'LazioStyleRadio', il centrocampista romano ha commentato con soddisfazione quanto fatto negli ultimi mesi dalla sua Lazio: "Abbiamo fatto un grande inizio di stagione. È dal primo giorno di ritiro che ci prepariamo per questo con il mister. Fa un grande effetto essere secondi".

Sul piano personale Candreva è raggiante: "L'anno scorso Reja mi ha dato grande fiducia facendomi esprimere al meglio. Ma nel calcio non si può guardare il passato e voglio sempre raggiungere il massimo. Ho preso una botta prima della gara per la Samp, ma spero di rientrare con il Cagliari. Non voglio sprecare tempo, sto già recuperando e spero che il dolore passi il più in fretta possibile".

Un'impronta netta quella data dal mister Petkovic: "Ora con Petkovic prepariamo le partite per fare sempre un gol in più dell'avversario, ma anche per non prenderle. Stiamo andando bene in tutte le competizioni, anche se in campionato abbiamo perso qualche punto per strada. Potevamo essere più vicini alla Juve, ma stiamo comunque facendo bene".

Per quanto riguarda il futuro, Candreva è ottimista: "In campionato tutte le partite sono importanti. A parte la Juventus che ha una fame particolare, non ci sono squadre molto più forti di noi, ma se noi giochiamo come sappiamo anche nel 2013 possiamo levarci grandi soddisfazioni. Magari cercando di fare le prestazioni che facciamo in casa, anche fuori. Sono le piccole cose che ti fanno fare il salto di qualità".

Sullo stesso argomento