thumbnail Ciao,

In una lunga intervista, il capitano doriano ha fatto il punto sul momento della squadra, caratterizzata da alcune situazioni spinose come quelle di Palombo e Icardi.

Nella lunga intervista concessa al quotidiano 'La Repubblica', il difensore della Sampdoria Daniele Gastaldello ha spaziato su vari temi, dagli allenatori di questo primo scorcio di stagione alla situazioni di alcuni suoi compagni.

Per iniziare, ha descritto l'impatto di Delio Rossi in questi suoi primi giorni blucerchiati: "Purtroppo in una settimana non si può fare granchè... Rossi ci ha chiesto cose nuove, dobbiamo lavorare sodo. Giocare con il trequartista è molto diverso rispetto al 4-3-3 o al 4-5-1, ma io sono molto fiducioso, perchè Rossi è un professionista esperto e noi cerchiamo di semplificargli la vita. Entrare in corsa non è mai facile, sta parlando con ognuno di noi, sta cercando di accelerare i tempi per capire quello che non va".

Delio Rossi che è subentrato a Ciro Ferrara, protagonista di un ottimo avvio ma che poi non è più riuscito a ritrovare il bandolo della matassa. Per l'ex tecnico, Gastaldello spende parole di elogio: "Dal punto di vista umano non si può parlare male di Ferrara. E' una persona per bene, si è sempre comportato in maniera splendida. Sicuramente sono stati fatti degli errori, ma non soltanto da lui. Abbiamo sbagliato tutti, le colpe nel calcio non vanno mai date ai singoli".

Dunque una Samp che deve ripartire al più presto per evitare di rimanere impantanata nelle zone basse della classifica. E chissà se la risalita possa ripartire da un certo Angelo Palombo, ex capitano messo in disparte dall'inizio di stagione.

"Guardate che Angelo da settembre è sempre stato con noi, con la massima disponibilità", ha dichiarato lo stesso Gastaldello, che da Palombo ha ereditato la fascia di capitano: "Bisogna ringraziarlo per come si è comportato, non ha mai tenuto il muso, nè si è mai lamentato perchè non veniva convocato. Lo apprezzo e sono convinto che se torna quello di due anni fa ci potrà dare una grossa mano per la salvezza".

Chiosa finale sul giovanissimo Mauro Icardi, in rotta con la società che gli ha negato la partecipazione al Torneo Sudamericano Under 20, cosa che invece gli era stata promessa: "Questa situazione può essere deleteria per lui, cerchiamo di aiutarlo. Se pensiamo che un giocatore così giovane sia già arrivato, ci sbagliamo. Lui deve stare tranquillo, del resto si occuperà la società".

Sullo stesso argomento