thumbnail Ciao,

L'ex Pibe de Oro allontana però i paragoni scomodi fra il suo Napoli e l'attuale squadra partenopea: "Bisogna lasciarli tranquilli, è difficile superarci, eravamo uomini veri".

Da Dubai, dove ha ricevuto il Globe Soccer Award come miglior calciatore del XX secolo, Diego Armando Maradona, intervistato da 'Sky Sport24', è tornato a parlare del Napoli e delle possibilità di vittoria della squadra partenopea.

"Lo Scudetto? E' dura per il Napoli vincerlo. - ha detto l'ex Pibe de Oro - Perché la Juve è ritornata grande, il Milan sta un po' decaduto, come l'Inter. Il Napoli ha qualche possibilità. Io, comunque, mi aspetto che il Napoli vinca, perche' io sono tifoso del Napoli e questo nessuno deve metterlo in dubbio".

Meglio però evitare, secondo Maradona, i paragoni pesanti. "Non dobbiamo mettere nella testa a Cavani che potrà fare come Maradona. - ha affermato - Lasciamoli tranquilli perché sono una buona squadra, Mazzarri mi piace come allenatore, però è difficile passare sopra la squadra che avevamo noi. La nostra era una squadra di uomini veri, a questi, invece, gli mancano sempre 5 centesimi per fare un euro".

Quanto al tecnico di San Vincenzo, Maradona spera che resti a lungo alla guida della squadra partenopea. "Mazzarri via a fine stagione? Non so cosa pensa De Laurentiis. Mazzarri ha fatto molto bene ma non so cosa pensa il presidente. Il Napoli con Mazzarri ha avuto gioco e vittorie. Quindi lo terrei. Io allenatore degli azzurri? È un sogno mio prima che dei tifosi".

A impedire il ritorno al Napoli, per ora, i noti problemi con il fisco italiano. "Io sono l'unico al quale stanno facendo un problema: Careca, Alemao e Ferlaino possono tutti camminare tranquilli per Napoli. - ha tuonato Maradona da Dubai - A me tolgono la valigia di mano quando arrivo in Italia ed è una cosa che non mi piace. Spero che qualcuno prima o poi dica che posso tornare a Napoli senza problemi".

Chiusura con una battuta: "Se il Napoli mi manca? No, perché c'è sempre un napoletano in me".

Sullo stesso argomento