thumbnail Ciao,

L'esterno nipponico si confessa e rivela gustosi retroscena sulla sua avventura in nerazzurro: "Ho un grande feeling con Cassano. La Juventus è più matura di noi, ma cresceremo".

Yuto Nagatomo, esterno nipponico in forza all'Inter, si è raccontanto in una lunga intervista rilasciata all'Ansa, rivelando parecchi aneddoti riguardo al suo speciale rapporto con il compagno Cassano, all'adattamento nel calcio italiano e chiudendo con uno sguardo sulla lotta bianconerazzurra per lo Scudetto.

"Come Antonio Cassano non ho mai trovato nessuno! Mi ricordo bene di quando ci siamo incontrati. Materazzi me l'ha presentato nell'immediata vigilia di un derby, Cassano giocava ancora nel Milan. Nonostante fossimo entrambi concentrati in vista della partita, abbiamo subito avvertito un buon feeling, e lui ha cominciato a scherzare con me". - ricorda Nagatomo.

Quindi il terzino giapponese prosegue: "Quando è arrivato all'Inter è nata un'amicizia, siamo andati spesso al ristorante assieme a lui e Sneijder. Siamo anche vicini di casa, ma è meglio non raccontare alcun aneddoto..."

Poi Nagatomo si sofferma sul non semplice adattamento nel calcio italiano,e rivela: "All'inizio ho notato la diversità di cultura. Avevo il problema della lingua, però non ho mai avuto un interprete, se non nelle interviste, tanto meno problemi con il cibo. Qui si mangia benissimo, mi sono inserito in maniera molto veloce".

E sull'arrivo all'Inter confessa: "Quando ho sentito dell'interessamento dei nerazzurri sono rimasto molto sorpreso, e allo stesso tempo ero felicissimo. Mentre viaggiavo in macchina per venire da Cesena a Milano ero molto emozionato".

Infine Nagatomo ammette: "L'ultima sfida contro la Juventus, vinta a Torino, è stato il momento più emozionante della mia avventura all'Inter. I bianconeri sono molto bravi nell'affrontare le partite più facili. Noi in quelle partite abbiamo perso qualche punto. In più la loro difesa è molto difficile da superare, hanno una squadra compatta. In questo momento sembrano più maturi. Noi siamo ancora un gruppo con i lavori in corso, ma allo stesso tempo abbiamo maggiori margini di miglioramento, in prospettiva".

Sullo stesso argomento